Acquafondata


Dati del Comune

Abitanti: 909 (1936) – 272 (1951). Superficie 25,32 Kmq. Altitudine 926 m. slm, situato sull’altipiano delle Mainarde, Comuni confinanti: Vallerotonda, Viticuso (Fr), Filignano e Pozzilli (Is).

La motivazione della decorazione

Ad Acquafondata è stata concessa Medaglia di bronzo al merito civile:

Piccolo comune montano, occupato dall’esercito tedesco a bloccare l’avanzata alleata, subì rastrellamenti e razzie da parte delle truppe naziste e violenti bombardamenti che provocarono numerose vittime civili e la quasi totale distruzione dell’abitato. Nobile esempio di spirito di sacrificio ed amor patrio. Acquafondata (Fr), 1943-1945.

Le vicende belliche e resistenziali

Nell’autunno del 1943 Acquafondata si trovava nelle immediate retrovie del fronte tedesco. Il paese e le alture circostanti erano ottimi punti di osservazione verso il versante molisano della Piana del Volturno. Questi capisaldi strategici erano tra l’altro controllabili da pochi uomini.

A dicembre i tedeschi ridussero ancor più la loro presenza: una sola autoblindo, una volta al giorno, riforniva di munizioni e di viveri tutte le truppe del territorio.

L’intelligence alleata non si rese conto di questa enorme disparità di forze e quindi cannoneggiavano senza tregua la zona: secondo la testimonianza di un ufficiale francese la sua batteria aveva sparato in direzione della chiesa del paese 10.000 colpi che non giungevano a segno.

Il paese venne martellato anche con bombardamenti aerei americani che risultarono insufficienti. Preziosa quindi, a livello di intelligence l’opera di quattro cittadini che fornirono agli Alleati informazioni utili per attacchi mirati contro i capisaldi tedeschi, utilizzando un tunnel per attraversare il fronte e raggiungere Venafro, rischiando di essere vittime delle mine.

Dopo la liberazione del paese, avvenuta il 13.1.1944 da parte delle truppe coloniali del Corpo di Spedizione francese, Acquafondata divenne retrovia del fronte alleato e fino al marzo la popolazione dovette convivere con le truppe di colore, che “si comportarono spiegando tutta la loro natura selvaggia”. Nel 1947 il Governo francese, tramite quello italiano, diede ai residenti un indennizzo in denaro per i danni subìti da queste truppe.

Al Corpo di Spedizione francese subentrò quello polacco del generale Anders.

La memoria

Acquafondata fa parte dei Comuni del “Gran Percorso della memoria” del SER.A.F – Servizi Associati dei Comuni del Frusinate.

  • Cippo Spedizione francese
  • Cippo Caduti polacchi

Bibliografia

La grande enciclopedia della tua regione. Lazio (1), Editrice Bonechi, Firenze 1992, pp.9-10

(a cura) G.Giammaria, L.Gulia, C.Iadecola, Guerra Liberazione Dopoguerra in Ciociaria, Amministrazione provinciale di Frosinone, Frosinone 1985, p.45.

Wikipedia, ad nomen.

Commenta