Sant’Ambrogio sul Garigliano

Dati del Comune

Abitanti: 1.458 (1936) – 1.311 (1951). Superficie 9,03 kmq. Altitudine 137 m. slm. Situato su una collina della catena degli Aurunci. Comuni\ confinanti: Sant’Apollinare, Sant’Andrea del Garigliano.

 

La motivazione della decorazione

Sant’Ambrogio sul Garigliano è Medaglia d’argento al merito civile, conferita il 21.12.1999:

Occupata dalle truppe tedesche all’indomani dell’armistizio, la città fu fatta oggetto di numerosi bombardamenti e subì la feroce rappresaglia nazista. Nonostante le violenze cui fu sottoposta, la popolazione tutta si rifiutava di collaborare con i propri aguzzini fornendo invece, con l’instancabile opera degli uomini-rana, utili informazioni agli alleati. Nobile esempio d’indomito coraggio e alto spirito di sacrificio. Sant’Ambrogio sul Garigliano (Fr), 1943-1944.

 

Le vicende belliche e resistenziali

Durante il periodo bellico Sant’Ambrogio fu al centro del tiro incrociato delle artiglierie alleata e tedesca. I nazisti, oltre ad alcune case del centro installarono nei dintorni il loro comando.

Ad autunno avanzato la situazione divenne più grave con un’intensificazione da parte tedesca della caccia all’uomo che causò alcune vittime tra i civili.

Il 1° dicembre si registrò il primo bombardamento alleato con alcuni morti; ben più grave fu quello del giorno successivo  con 42 caduti.

Dal Comando tedesco fu dato l’ordine di evacuazione, ma la maggioranza della popolazione si rifiutò di lasciare le proprie abitazioni, mentre alcuni, dopo aver abbandonato il paese, annegarono nei vortici del Garigliano.

Durante la cosiddetta “prima battaglia di Cassino”, in preparazione dello sbarco ad Anzio-Nettuno, gli Alleati, in particolare i britannici dello “Hampshire”, il 19 gennaio tentarono in tre riprese e senza successo lo sfondamento della linea “Gustav”.

Il 9 aprile 1944 cinque giovani riuscirono a guadare il fiume e raggiungere la zona alleata; il gesto venne emulato da altri volenterosi.

Con l’offensiva alleata di maggio, Sant’Ambrogio fu uno dei primi paesi ad essere liberato: fu la 1° Divisione di fanteria motorizzata francese ad entrare in paese.

Il bilancio della guerra fu di un centinaio di vittime e della distruzione del paese al 95%

 

La memoria

Il Comune fa parte del “Gran percorso della memoria” del SER.A.F-Servizi Associati Comuni del Frusinate.

 

Bibliografia

La grande enciclopedia della tua regione. Il Lazio (51-52), pp.80.

(a cura) G.Giammaria, L.Gulia, C.Iadecola, Guerra Liberazione Dopoguerra in Ciociaria 1943-45, (cit.), pp.153-54.

Wikipedia, ad nomen.

Commenta