Vallecorsa


Dati del Comune

Abitanti: 4.170 (1936) – 4.053 (1951). Superficie 39,28 kmq. Altitudine 350 m. slm. su una collina della catena degli Ausoni. Comuni confinanti: Castro dei Volsci, Fondi (Lt), Amaseno, Lenola (Lt), Monte San Biagio (Lt).

La motivazione della decorazione

Vallecorsa è Medaglia d’oro al merito civile:

Centro strategicamente importante, situato sulla linea Gustav, durante l’ultimo conflitto mondiale si trovò al centro degli opposti schieramenti, subendo ogni sorta di violenza dalle truppe tedesche e marocchine e continui e devastanti bonbardamenti da parte alleata che causarono la morte di numerosissimi cittadini e la totale distruzione dell’abitato. I sopravvissuti, costretti a trovare rifugi occasionali sulle montagne, resistevano con fierissimo contegno alle più dure sofferenze, offrendo un ammirevole esempio di coraggio e amor patrio. Vallecorsa (Fr), 1943-1944.

Le vicende belliche e resistenziali

Per la sua posizione strategica, Vallecorsa venne occupato dai tedeschi e subì, di conseguenza, requisizioni di uomini e mezzi.

Nel maggio 1944 vennero uccisi dai tedeschi, dopo un breve conflitto a fuoco, due giovani fuggiti al lavoro coatto, dopo essere stati sorpresi a cenare con viveri sottratti ai tedeschi; stessa sorte subirono altri giovani, rifugiatisi in montagna.

I bombardamenti – disastroso quello del 23 gennaio – e i cannoneggiamenti di entrambi gli eserciti, causarono la distruzione dell’80% delle abitazioni del paese e la morte di molti civili.

Con la liberazione da parte delle truppe di colore della Spedizione francese, circa 100 donne subirono violenza carnale. Un esempio per tutti: il 28 maggio un ragazzo diciottenne, dopo aver visto trascinare da parte di un soldato marocchino cinque donne della famiglia, venne ferito da un soldato: ricoverato in un pronto soccorso nei pressi di Vallecorsa, se ne persero le tracce. Il suo corpo venne ritrovato dopo 10 mesi.

La memoria

Monumento in piazza Vittime civili di guerra.

Bibliografia

La grande enciclopedia della tua regione. Il Lazio (60), p.241.

(a cura) G,Giammaria, L.Gulia, C.Iadecola, Guerra, Liberazione Dopoguerra in Ciociaria 1943-45, (cit.), p.174,

(a cura) G.Giammaria, Dati sulla Resistenza in Ciociaria. Estratto dal n.8 dei quaderni della resistenza laziale, pp.86, 93

Dizionario storico biografico del Lazio (cit.), ad nomen

Wikipedia, ad nomen.

 

Commenta