Moretti Augusto

Nato a Velletri il 30 gennaio 1905-caduto a Roma il 24 marzo 1944, alle Fosse Ardeatine, Figlio di Giuseppe e di Matilde Fisiotti [Finotti sul sito del Mausoleo], contadino, abita alle porte di Velletri, in contrada Paganico. Insieme al fratello Pio, anche lui contadino, nasconde per diversi mesi il militare Sebastiano Iaula che dopo l’8 settembre ha disertato e cerca così di sfuggire al comando tedesco. Probabilmente, insieme al soldato sbandato, i due fratelli offrono riparo anche a un paracadutista inglese. Forse è per questo motivo, o perché in qualche modo sospettati di essere coinvolti nell’omicidio di un soldato tedesco compiuto da un loro parente, Amedeo Moretti, il 18 febbraio 1944, che il 7 marzo successivo vengono entrambi arrestati dalle SS. Rinchiusi nel carcere romano di Regina Coeli il 13 marzo, ne usciranno per essere giustiziati dai tedeschi alle Fosse Ardeatine come atto di rappresaglia in seguito all’azione partigiana di via Rasella. A Pio e suo fratello Augusto Moretti è intitolata una scuola dell’infanzia in via Appia Antica, a Velletri. Oggi riposa nel Mausoleo nel sacello 106.

MSL scheda n.633, archivio di via Tasso, scheda carceraria di Regina Coeli; Ascarelli 1992, p. 187;

sito Anfim; brogliaccio di Regina Coeli; Anfim, archivio, fascicolo nominale

Commenta