skip to Main Content

Chiesa di Santa Maria Assunta. Filettino (Frosinone)

santuario filettino

La storia

La Chiesa di Santa Maria Assunta si trova nella parte alta del centro storico di Filettino. E’ tra le chiese più antiche di questa cittadina della Ciociaria ed è stata edificata nel 1200. Tre secoli più tardi, però, subì una profonda opera di ristrutturazione, lo stesso dicasi per il recente restauro datato 1955  che ha portato alla luce diversi affreschi.
La Chiesa è caratterizzata da una navata unica con cappelle laterali che custodiscono diversi dipinti ad olio. La pala d’altare che raffigura Santa Maria Assunta è antecedente al 1723. Di particolare interesse gli affreschi della cappella di San Carlo, risalenti ai primi del ‘600, che rappresentano due episodi della vita del santo e cioè la celebrazione della messa e l’attentato alla vita del cardinale.

Ex Voto

Si tratta di quattro Ex Voto di guerra in forma di tavolette dipinte ad olio recuperati di recente dalle forze dell’ordine di Monza dopo un furto di molti anni fa e restituiti al Parroco.

1-Ex voto di guerra: è rappresentato da una tavola di legno dipinto, raffigurante varie situazioni di guerra: nell’angolo in basso a sinistra due addetti con un cannone, accanto, due soldati in trincea che sparano con il fucile, poco sopra, uno schieramento di soldati. Al centro, un soldato in uniforme con fucile e ai piedi un soldato ferito. In alto, su due nuvole, ci sono la Madonna con Bambino e San Giorgio che tiene in mano la sua bandiera costituita da una croce rossa in campo bianco.

Santa M. Assunta di Filettino   retro foto 1 filettino

2-Ex voto di guerra è rappresentato da una tavola di legno dipinto, raffigurante un soldato in carcere e una donna che prega. In alto a sinistra è raffigurata la Madonna con Bambino e Sant’Antonio (frate con giglio).

 

3-Ex voto di guerra è rappresentato da una tavola di legno dipinto, raffigurante una scena di guerra con due schieramenti che si affrontano. Al centro del dipinto è raffigurato un soldato che invoca il santo.

  

4-Ex voto di guerra è rappresentato da una tavola di legno dipinto, raffigurante una scena di guerra con due schieramenti che si affrontano con feriti da entrambe le parti. Al centro del dipinto c’è un soldato che invoca il santo raffigurato in alto a destra.

  

Bibliografia

1.“Ex voto tra storia e Antropologia”, a cura di Emilia de Simoni, Seminari e convegni del Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari, Roma 1986.
2. “La Madonna del Divino Amore. Santuario del Divino Amore”. Castel di Leva (Capannelle) Roma 1932-1935.
3. “La Madonna del Divino Amore. Santuario del Divino Amore.” Castel di Leva (Capannelle) Roma 1936-1940.

Info: Parrocchia Santa Maria Assunta, Via Alta Corte 10

Sito web: sentierogiovannipaolo2.eu

Back To Top