Finamonti Loreto

Nato a Nespolo (Rieti) il 20 dicembre 1900-caduto a Roma, il 24 marzo 1944, alle Fosse Ardeatine. Commerciante, figlio di Paolo e Anna Valeri. Era podestà di Nespolo, ma dopo l’occupazione tedesca, partecipò alla resistenza nascondendo ex prigionieri inglesi e americani fuggiti dai campi di prigionia, sostenendo i partigiani della banda Gran Sasso che operavano suoi monti circostanti, sia mantenendo i collegamenti con il CLN. Il 1 marzo del 1944 fu arrestato dalle SS con l’accusa di aver dato ospitalità ai soldati alleati e condotto prima al carcere di Rieti, e successivamente a via Tasso. Dopo l’azione partigiana di via Rasella, fu inserito nella lista di coloro che erano destinati ad essere eliminati per rappresaglia. Fu ucciso alle Fosse Ardeatine all’età di 43 anni. Le spoglie di Loreto sono conservate presso il Mausoleo delle Fosse Ardeatine, nel sacello n. 77. A Nespolo, suo paese natale, vi è una piazza che porta il suo nome.

Ascarelli 1992, p. 176; Mogavero, Biografico, Vol. II, p. 843. MSLR scheda n. 392; Archivio Mslr b. 3 fasc. 2; Anfim, archivio, fascicolo nominale; sito Anfim

 

Commenta